Dipendenza da cocaina: quando il comportamento rivela importanti segnali d’allarme

dipendenza da cocaina, comportamento ed atteggiamenti del cocainomane: ecco i segnali d'allarme

Dipendenza da cocaina: quando il comportamento rivela importanti segnali d’allarme

Come capire se una persona cara soffra di dipendenza da cocaina Quali sono gli atteggiamenti tipici di un cocainomane?


I segnali che confermano la dipendenza da cocaina.

Una persona a te cara presenta dei comportamenti inusuali e hai il sospetto che abbia recentemente iniziato ad abusare di sostanze stupefacenti? Allora è importante che tu conosca gli atteggiamenti più comuni di chi soffre di dipendenza da cocaina. Il motivo per cui iniziare ad indagare sull’abuso di questa sostanza è semplice: negli ultimi anni è diventata una delle droghe più utilizzate in Italia, complice probabilmente il prezzo sempre più accessibile.

Se durante la lettura di questo articolo riceverai una conferma sui tuoi sospetti, non esitare. I danni fisici e specialmente cerebrali della cocaina sono numerosi (ne parliamo nell’approfondimento: “Come aiutare un cocainomane a smettere”). È dunque necessario intervenire prontamente ed indirizzare la persona caduta nel tunnel della droga verso un percorso di disintossicazione.

Il metodo di disintossicazione più innovativo, che non prevede l’assunzione di farmaci sostitutivi alla cocaina né il ricovero, è attualmente la Stimolazione Magnetica Trancranica (TMS).

Per conoscere meglio questo peculiare trattamento, il quale permette la progressiva eliminazione del craving da cocaina (ovvero il fortissimo ed incontrollabile desiderio di assumerla) leggi la pagina: “Cos’è la TMS“.

Ora andiamo ad approfondire quali sono i segnali d’allarme riscontrabili nel comportamento di un cocainomane.

1) Iperattività: l’atteggiamento più tipico del consumatore di cocaina.

La persona a te vicina presenta da qualche tempo un comportamento a tratti iperattivo, euforico in modo innaturale? Ebbene, questo è il primo dei campanelli d’allarme che potrebbero denotare una dipendenza da cocaina.

Quando si utilizza questa sostanza generalmente si diventa estremamente loquaci e ci si muove in maniera molto più rapida dell’ordinario.

L’iperattività, in un cocainomane, può anche sfociare in un atteggiamento spiccatamente aggressivo.

2) Episodi di violenza domestica.

Come hai potuto leggere nel precedente paragrafo, non è raro che chi faccia uso di cocaina presenti un atteggiamento aggressivo, il quale può presentarsi sia in seguito all’assunzione che come sintomo dell’astinenza. In famiglia tale aggressività può tradursi in episodi di violenza fisica e/o verbale anche ricorrenti.

3) Frequenti allontanamenti, specialmente nei luoghi pubblici.

Il tuo partner, tuo figlio, un tuo amico ultimamente si allontana spesso dalla stanza, magari quando siete fuori casa? Allora è possibile che stia assumendo cocaina: gli effetti di tale droga sono temporanei e chi ne è dipendente ha bisogno di utilizzarla molto spesso, anche ad intervalli di 20-30 minuti.

Com’è ovvio, l’allontanamento ripetuto non è necessariamente un segnale di dipendenza da cocaina. Ecco dunque i campanelli d’allarme che dovrebbero, almeno in parte, incrementare il tuo sospetto:

  • utilizzo di scuse difficilmente attendibili per cambiare stanza o recarsi alla toilette
  • atteggiamento furtivo
  • tracce di polvere bianca intorno al naso e sui vestiti
  • forti rumori respiratori e nasali, specialmente durante l’inspirazione

4) Insonnia ed inappetenza, accompagnate dall’improvviso dimagrimento.

Se la persona a te cara soffre improvvisamente di insonnia e di inappetenza, è probabile che queste condizioni siano causate dal consumo di cocaina oppure dalla sindrome d’astinenza.

5) Eccessiva ed improvvisa riservatezza.

atteggiamento del cocainomane: segnali d'allarme della dipendenza da cocaina

Improvvisamente tuo figlio si rifugia nella sua camera da letto, isolandosi dal resto della famiglia, e chiude a chiave la stanza anche quando non si trova al suo interno?

Hai scoperto che tuo marito ha affrontato delle spese extra ma stranamente non vuole darti spiegazioni e sembra irritato dalle tue domande?

Questi sono soltanto alcuni esempi di un atteggiamento di riservatezza che, qualora non fosse preesistente, potrebbe indicare una dipendenza da sostanze stupefacenti.

6) Allucinazioni, psicosi, forte irritabilità.

Questi sintomi, spesso accompagnati da depressione e frequenti sbalzi d’umore, sono riconducibili alla sindrome d’astinenza da cocaina. Tale sindrome generalmente non causa dolori fisici (come invece succede durante l’astinenza da eroina e da altre droghe) ma non è da sottovalutare, in quanto interviene sulla salute psichica del tossicodipendente.

Conclusioni.

Questi atteggiamenti, se esaminati singolarmente, potrebbero ricondurre ad altre problematiche e non essere necessariamente correlati alla dipendenza da cocaina. Ma se il tuo familiare, il tuo partner o il tuo amico presenta più di un comportamento riconducibile a questo disturbo, è probabile che, dopo aver letto questo approfondimento, i tuoi sospetti siano divenuti certezze.

Se vuoi aiutarlo, prova a parlargli e ad esporgli i rischi legati all’assunzione di questa sostanza stupefacente.

Inizialmente potrebbe negare, ma non arrenderti. Continua ad insistere e, una volta ottenuta l’ammissione, parlagli del trattamento di TMS per combattere la tossicodipendenza.

Scrivici su WhatsApp